Nino Graziano, Tony Lo Coco e Angelo Pumilia inaugurano insieme il nuovo corso de La Foresteria Menfi

Il primo è il simbolo della storia della cucina siciliana, il secondo è un grande protagonista della sua visione contemporanea, il terzo è oggi il custode della grande tradizione della famiglia Planeta: Nino Graziano, Tony Lo Coco e Angelo Pumilia, conducendo a sei mani l’evento “Dal tramonto all’alba” lo scorso fine settimana a La Foresteria, hanno inaugurato il nuovo corso del Ristorante de La Foresteria Menfi, in coincidenza con la riapertura del wine resort. 

Un evento che ha rappresentato un omaggio alla tradizione gastronomica e che ha regalato agli ospiti un percorso all’insegna della memoria: la Melanzana ripiena e il Macco di fave e ricotta di Nino Graziano hanno aperto la strada alla personalissima interpretazione degli Anelletti al forno di Tony Lo Coco e al Reale dell’Ulmo di Angelo Pumilia, accompagnati da un emozionante tuffo nel passato della cantina Planeta, con uno Chardonnay 2011 e un Merlot 2001.

Una lunga esperienza gastronomica e sensoriale, che è cominciata al tramonto con l’aperitivo e la cena, per concludersi all’alba del giorno dopo con la prima colazione, uno dei momenti più apprezzati dagli ospiti de La Foresteria, che hanno nuovamente visto i tre cuochi misurarsi con il primo, amatissimo pasto della giornata: lo hanno fatto con una serie di piccole prelibatezze - dagli Iris e le Crepes dolci alle Brioche salate con le verdure di campo e alle Bruschette di pomodoro e sgombro - in dialogo aperto con il giardino delle erbe aromatiche e col paesaggio. 

 

Un evento che è servito subito a presentare agli ospiti anche il nuovo “manifesto” della cucina del Ristorante de La Foresteria Menfi, che arriva in occasione dei dieci anni dall’apertura del wine resort. 

La famiglia Planeta, infatti, ha voluto spingere su un approccio sempre più orientato ad un’interpretazione autentica della preziosa tradizione ereditata attraverso i secoli dalla famiglia, tradizione già raccolta nel libro “Sicilia. La cucina di Casa Planeta (Electa Mondadori). 


La ricerca sui prodotti e il ritmo delle stagioni contribuiscono ad esaltare il legame con il territorio, con un occhio di riguardo alle erbe aromatiche che circondano il resort e che entrano da protagoniste in cucina, anche grazie ai nuovi percorsi sia per il ‘pranzo con vista’ che per la cena.

 

Tra questi, oltre al tipico menu di Casa Planeta, ci sarà un percorso da 6 o da 8 portate dedicato al Viaggio in Sicilia, ispirato dal legame con i territori, dai prodotti d’eccellenza selezionati, dalle stagioni e dall’interpretazione dello chef Angelo Pumilia.

E ci sarà anche un’esperienza di ‘convivio’, il percorso ‘La tavola di famiglia’, con una serie di companatici e di piatti principali, serviti al centro del tavolo, da condividere tra i commensali come una volta: ci saranno grandi piatti della tradizione, come il Timballo in crosta di ricotta, il Filetto di manzo al Burdese, il Cous cous di pesce. 

Proprio per questo speciale menu è stato pensato anche uno speciale percorso di degustazione delle “vendemmie del cuore”, le grandi annate dei vini Planeta per i grandi piatti della tradizione. 

 

Più in generale anche la carta dei vini si compone sempre più attraverso una selezione speciale di esclusive bottiglie che sintetizzano la storia di Planeta, insieme a una grande collezione di vini di altri produttori tra i preferiti della famiglia. 

Guarda l'album della serata

TripAdvisor Le Soste di Ulisse Inycon Charming Sicily Scopri Menfi